Da video a gif animata su GNU/Linux

Il formato immagine GIF è un formato storico, che è recentemente tornato in auge su popolari siti social, dove viene usato per visualizzare piccoli spezzoni di video, opportunamente convertiti in questo formato.

Esistono siti online per la creazione di GIF animate a partire da video, ma hanno spesso funzionalità limitate, e sono sopratutto più lenti rispetto a un task eseguito in locale (anche solo per i tempi di upload del video da convertire).
Ho creato quindi uno script bash, che utilizza ffmpeg come motore di conversione e zenity per la GUI, in modo da semplificare il più possibile la creazione di una GIF animata a partire da un file video.
Lo script, una volta lanciato, avvia una procedura guidata che chiede, passo passo, quale impostazioni usare.
È possibile anche ottenere una GIF ridimensionata rispetto al video originale, e convertire in GIF solo uno spezzone del video stesso.

Dato che una GIF vale più di mille parole, ecco un esempio pratico:

out.ogv

<<<<Download dello script>>>>

Naturalmente, una volta scaricato e scompattato, è necessario rendere eseguibile lo script con il comando

chmod +x video2gif

.

A presto!

Installare Zimbra Desktop su Linux a 64 bit

zimbraZimbra Desktop è un ottimo client email OpenSource; si integra (naturalmente) nativamente con account Zimbra, ma supporta anche account Google e Yahoo (compresi calendari e rubriche) oltre che account generici POP3/IMAP4.
È inoltre un client multipiattaforma (Windows, Mac e GNU/Linux); potete scaricarlo dall’apposita pagina di Download sul sito ufficiale.
Zimbra Desktop utilizza una JRE (Java Runtime) per funzionare; per GNU/Linux viene distribuito un unico pacchetto. Se avete una distro a 32bit non dovreste incontrare particolari problemi (a parte, eventualmente, installare openjdk-jre).
Con distro GNU/Linux a 64bit la faccenda si fa più complicata, perché Zimbra Desktop non riesce a partire con JRE a 64bit (e non ho trovato howto chiari in giro).

Se volete usare Zimbra Desktop sulla vostra macchina GNU/Linux a 64bit ecco quindi come fare.

N.B. In questa guida faccio riferimento al mio installato (una LinuxMint); dovrebbe funzionare senza particolari differenze anche su Ubuntu e derivate e su Debian e derivate, e servire come riferimento generale per tutte le altre Distro.

Installare il software necessario

Zimbra Desktop richiede una JRE a 32 bit per funzionare; per usarlo in “produzione” consiglio di installare la versione 6 (anche se legacy, ma dovrebbe funzionare tutto anche con la versione 7).

sudo apt-get install openjdk-6-jre:i386

Ora controllate che la versione di Java ufficiale usata dal sistema sia comunque quella a 64bit (non ha senso, solo per usare Zimbra Desktop, impostare come JRE di default quella a 32 bit).

sudo update-alternatives --config java
Sono disponibili 3 scelte per l'alternativa java (che fornisce /usr/bin/java).

  Selezione    Percorso                                        Priorità  Stato
------------------------------------------------------------
* 0            /usr/lib/jvm/java-7-openjdk-amd64/jre/bin/java   1071      modalità automatica
  1            /usr/lib/jvm/java-6-openjdk-amd64/jre/bin/java   1061      modalità manuale
  2            /usr/lib/jvm/java-6-openjdk-i386/jre/bin/java    1060      modalità manuale
  3            /usr/lib/jvm/java-7-openjdk-amd64/jre/bin/java   1071      modalità manuale

Premere Invio per mantenere il valore predefinito[*] o digitare il numero della selezione:

Se è tutto già a posto premete solo il tasto INVIO, altrimenti selezionate la JRE da usare normalmente per il sistema.

Scaricare e installare Zimbra Desktop

L’attuale versione per GNU/Linux di Zimbra Desktop è la 7.2.7 GA.
Scaricatela, scompattatela in una directory a vostra scelta ed eseguite l’installer in perl. Eseguite solo l’installazione system-wide (che di default è in /opt/zdesktop), e non configurate l’utente.

Modifica necessaria per gli ambienti a 64bit

Aprite ora con il vostro editor preferito (vim, nel mio caso) il file zdesktop presente, nell’installazione di default, in /opt/zdesktop/data/bin

sudo vim /opt/zdesktop/data/bin/zdesktop

Cercate la riga

JAVA=`which java`

e sostituitela con il path della vostra JRE a 32bit. Il path lo potete leggere dal comando

update-alternatives --config java

e nel mio caso è

/usr/lib/jvm/java-6-openjdk-i386/jre/bin/java

La riga finale diventerà quindi

JAVA="/usr/lib/jvm/java-6-openjdk-i386/jre/bin/java"

Salvate il file.

Configurazione finale dell’account

Ora potete avviare senza problemi lo script di configurazione di Zimbra Desktop per il vostro utente che, nell’installazione di default, è in /opt/zdesktop/linux

/opt/zdesktop/linux/user-install.pl

Installare e configurare California su Debian Testing (Jessie)

California è un nuovo componente di Gnome 3 per i calendari locali e remoti. Si integra perfettamente con la funzionalità “Account Online” di Gnome 3 e – a mio parere – assieme a Geary si propone come valida e leggera alternativa del purtroppo pesantissimo Evolution.
Su Debian testing (nome in codice ‘Jessie’) è possibile installare geary usando i repository, mentre non esistono pacchetti per California.
Ecco come installare e configurare rapidamente California sulla propria Debian testing:

wget -c http://ftp-stud.hs-esslingen.de/pub/Mirrors/ftp.gnome.org/sources/california/0.4/california-0.4.0.tar.xz
tar xf california-0.4.0.tar.xz
cd california-0.4.0
su -c 'aptitude install build-essential intltool pkg-config libgtk-3-dev libgee-0.8-dev libecal1.2-dev libsoup2.4-dev libgdata-dev libgoa-1.0-dev libgirepository1.0-dev itstool valac libxml2-utils'
./configure --prefix=/usr
make
su -c 'make install'

A questo punto avremo california correttamente installato, ma non sarà possibile selezionarlo come applicazione predefinita dal menu “Impostazioni > Dettagli”.
Per risolvere questo inconveniente, basta dare il seguente comando da terminale:

gvfs-mime --set text/calendar california.desktop

Buon divertimento con California!

Schermata da 2015-04-20 17:22:57

Webby (Uebbi) – Nuovo Firmware italiano

black-green-warning-1-md

ATTENZIONE: È uscito un nuovo firmware più aggiornato!
U&B (Uebbi) – Firmware 2.1

Webby (nome commerciale italiano Uebbi)

è un dismiouebbipositivo elettronico importato dalla italiana Promelit, costruito in Korea dalla Avantis e commercializzato da Telecom Italia. Esistono altre 2 versioni gestite da 2 operatori telefonici europei: Hubster della SRF (Francia) e Webby di Vodafone (Germania). L’utilizzo principale del dispositivo è quello di una “sveglia multimediale”; ovvero un gadget in grado di funzionare sia come comunissima sveglia sia per la consultazione di news, oroscopo e l’ascolto di radio, questi ultimi servizi sono fruibili con un collegamento ad Internet. (fonte: cortocircuito.net)

Il dispositivo, commercializzato da Telecom Italia nel 2008 (qui ne potete leggere le caratteristiche hardware e software), è stato poi abbandonato dalla stessa azienda poco dopo, lasciando gli utenti che l’avevano pagato (a caro prezzo) senza posibilità di usarlo.
Uebbi infatti per funzionare si appoggia a servizi web che venivano offerti da Telecom Italia; da quando Telecom ha abbandonato il progetto, Uebbi è diventato un costoso fermacarte.
Per fortuna sono nati dei progetti per cercare di riportare in vita le funzionalità di Uebbi; e, sempre per fortuna, Uebbi funziona con un firmware basato sul Linux (c’è quindi la possibilità di modificarlo).
La storia dell’hacking Uebbi/Webby credo sia lunga e non ne conosco i dettagli; quindi mi scuso già con chi ha iniziato questa avventura, se non aggiungo a questo articolo i dovuti credits.
Personalmente sono venuto a conoscenza di Uebbi e della sua travagliata storia dal mantainer del progetto italiano della Rinascita di Uebbi (caro amico oltre che collega), che ospita un forum su Uebbi all’indirizzo www.uebbiradio.altervista.org. In realtà il sito uebbiradio non offre solo un forum per scambio di opinioni su Uebbi, ma dietro le quinte ha replicato tutte le funzionalità principali che permettono a Uebbi di funzionare nuovamente.
Tutto il lavoro dietro le quinte è merito del mantainer di uebbiradio che, spulciando tra la documentazione in tedesco e francese trovata online, testando e perdendo molto – prezioso – tempo personale, ci ha regalato di nuovo la possibilità di utilizzare Uebbi.
Sempre con il suo aiuto sono entrato in possesso di un dispositivo Uebbi (acquistabile ora su Ebay a circa 10€); ho seguito quindi la procedura presente sul forum (al seguente indirizzo) .
Ho quindi cominciato a lavorare sul firmware per sistemare il problema principale del firmware tedesco: non vengono riconosciute le penne usb.
Sempre con l’amico mantainer di uebbiradio abbiamo testato il nuovo firmware (che potete scaricare da qui sotto) che ha le seguenti nuove funzionalità:

  • L’usb viene di nuovo riconosciuta; i files della chiavetta usb vengono resi disponibili dentro l’app MyFiles, nel tab con il computer
  • Anche le schede SD vengono riconosciute e montate correttamente, sempre dentro l’app MyFiles, nel tab della Secure Digital
  • Il dispositivo punta già ai servizi offerti da uebbiradio.altervista.org (quindi radio italiane, meteo italiano, rss/news italiane, oroscopo italiano)
  • Sono supportati i file video (non tutti i formati, gli AVI codificati con Divx/mp3 e i file FLV funzionano sicuramente)

Inoltre, la procedura di reflash di Uebbi si è accorciata: se si parte dal firware ufficiale di Telecom Italia, basta un primo reflash con il firmware francese (link) e quindi un secondo reflash con il firmware che potete scaricare in calce a questo articolo.
La procedura da seguire per il reflash è descritta (con video) a questo indirizzo: http://lab.cortocircuito.net/doku.php?id=tech:uebbi:ripristino
Se trovate difficoltà nel reflash del dispositivo il problema è quasi certamente dovuto alla scheda SD; non tutte le schede SD vengono riconosciute da Uebbi per questa procedura (anzi, è abbastanza schizzinoso), quindi provate con varie schede SD finché non ne trovate una che viene accettata dal sistema (come regola generale, le SDHC/SDXC sicuramente non funzioneranno).
Infine, per problemi o richieste di nuove funzionalità ci sentiamo sul forum di uebbiradio (sono un utente registrato e, nei limiti del possibile, cercherò di risolvere eventuali dubbi/problemi).

A presto!!

Firmware Uebbi – versione 20150210 [ Download Firmware 20150210 ]

black-green-warning-1-md

ATTENZIONE: il download dei firmware è stato spostato (su registrazione) su www.uebproject.org